2024

dai mondi virtuali in avanti

Scansioni 3D, RIDAR personali, fotografie e mirror worlds

Londra è la prima città a essere stata digitalizzata in 3D all’interno del progetto UKMap. Ne parla Digital Urban, mostrando anche un video realizzato con LandXplorer che visualizza i dati raccolti tramite foto aeree e telerilevamento RIDAR.

Cosa c’entra questo con il futuro dei mondi virtuali?

Il concetto attuale di mondo virtuale sfuma in quello di mirror world, il cui esempio principale è dato da Google Earth; un altro è dato dal video di UKMap citato sopra. La differenza è che nei mirror world l’ambiente cerca di riprodurre fedelmente il mondo reale; in un certo senso anche le zone di Second Life che riproducono città e geografie reali sono esempi di mirror world – o forse sono intrusioni, collusioni fra i due concetti.

Già oggi quindi l’universo dei contenuti immersivi 3D è costituito da scenari immaginari e da riproduzioni del mondo reale. Possiamo immaginare un futuro in cui entrambi questi tipi di contenuti saranno accessibili all’interno di ciò che diventeranno i “mondi virtuali”, a prescindere dalle piattaforme che generano e gestiscono i relativi contenuti e dai dispositivi che li rendono fruibili dalle persone.

Oggi a creare i mirror world contribuiscono le foto e le scansioni RIDAR aeree; nei prossimi anni la raccolta di queste informazioni potrà spostarsi ai singoli individui. I dati che ne deriveranno consentiranno di ricreare tridimensionalmente, all’interno dei mondi virtuali, lo spazio attraversato nella realtà dagli individui stessi.

spunto per la rappresentazione di un sistema di scansione dell'ambiente circostante

spunto per la rappresentazione di un sistema di scansione dell'ambiente circostante

Questa è una ripresa effettuata all’interno del Google Holodeck, che si trova a Mountain View – 7-8 schermi mostrano in alta definizione e a 360 gradi una sequenza accelerata delle fotografie scattate per Google StreetView.

Annunci

Archiviato in:Previsioni generali, Second Life, Tecnologie, , , , , ,

Cos’è?

Qui Opensource Obscure raccoglie spunti e presenta possibili scenari per il futuro dei mondi virtuali.
Pretesto per la creazione di questo blog è stata la partecipazione all’iniziativa “The Future of Virtual Worlds” organizzata all’interno di SL6B - la celebrazione del 6° compleanno di Second Life.

"2024. The Future of Virtual Worlds" c/o SL6B:

Appunti, discussioni, segnalazioni veloci… alcune cose finiscono nel blog, altre no. Se usate friendfeed, iscrivetevi e partecipate al gruppo.

View my FriendFeed